Archivi del mese: luglio 2008

Srebrenica

Massacro di Srebrenica .

“E’ tutta una farsa…”

Radovan Karadzic

Annunci

A 108 anni è morta Olive Riley

Si è spenta in Australia Olive Riley che a 108 anni era considerata la più anziana blogger del mondo.
Ad annunciare la sua morte,è stato il pronipote Darren Stone di Brisbane. “Sarà ricordata da migliaia di lettori in tutto il mondo perchè parlava via web con tante persone lontane, in Russia e in America”, ha detto Stone.
Dal febbraio dell’anno scorso Olive aveva postato oltre 70 racconti sul suo blog, o “blob” come lo chiamava scherzosamente.

Nell’ultimo post, che risale al 26 giugno scorso, la Riley diceva che non riusciva “a mandar via una brutta tosse”.
Olive Riley era nata il 20 ottobre 1899, i suoi funerali saranno celebrati la prossima settimana nella NSW Central Coast australiana.

Nel 1969 quando Internet mosse i primi passi (all’epoca si chiamava Arpanet) lei tirava a campare lavorando tra i tavoli dell’hotel Arncliffe, alla periferia di Sydney.
Nel 1997, quando Wikipedia data la nascita del primo blog, si godeva il meritato riposo nella sua casa di Wow Woy, sempre nella terra dei canguri.

Fonte: TGCom.

Vi sarete sicuramente chiesti perché abbia inserito questa notizia nella sezione “La buona novella”.
Semplice.
Olive ha dimostrato a tutti quanto la forza morale, il brio e la voglia di imparare ogni giorno siano vivissime nelle persone della sua età.
Un messaggio che dovrebbe essere ripreso, perché le persone che veleggiano dopo i settant’anni non sono soltanto nonni e nonne da pantofole e camino, ma sono una risorsa insostituibile per noi tutti.
Ed Olive la voglio ricordare anche io così, sorridente e con una birra fresca in mano.

Darfur: Cpi pensa all’incriminazione

La Corte penale internazionale dell’Aia sta valutando la possibilità di accusare il presidente sudanese, Omar al-Bashir, di genocidio e crimini contro l’umanità per le atrocità commesse nel Darfur.
Secondo la televisione di Stato sudanese, però, il partito del Congresso nazionale, guidato da al-Bashir, sarebbe pronto a “versare altro sangue e a dar vita a nuove violenze” se le accuse venissero formalizzate.

Fonte: TGCom.

Litvinenko, “Mandante fu il Cremlino” .

Accuse dei servizi segreti britannici
Il governo russo appoggiò l’eliminazione di Alexander Litvinenko, l’ex agente del Kgb avvelenato con una dose letale di un isotopo radioattivo alla fine del 2006.
Lo denuncia la Bbc citando fonti del Governo britannico: “Esistono consistenti elementi che suggeriscono si sia trattato di un’azione di stato”, ha dichiarato un funzionario dei servizi segreti britannici alle Newsnight della Bbc.

La Bbc non si ferma solo al caso del polonio con cui venne ucciso il giornalista, ma sostiene anche che l’MI5, i servizi di controspionaggio britannici, l’estate scorsa hanno sventato un complotto per eliminare anche Boris Berezovski, il miliardario russo anche lui esule in Gran Bretagna e come Litvinenko un deciso oppositore dell’ex presidente e attuale premier russo Vladimir Putin.

Per la morte di Litvinenko gli inquirenti inglesi sono comunque da sempre convinti di un qualche coinvolgimento di Mosca. Scotland Yard ha chiesto, finora senza successo, l’estradizione di Andrei Lugovoi, anche lui un ex agente del Kgb che vide l’ex collega a Londra proprio nel giorno in cui sarebbe stato avvelenato. Lugovoi ha sempre negato ogni responsabilità e così hanno fatto le autorita’ russe. Il caso tuttavia ha portato a un netto deterioramento delle relazioni tra Regno Unito e Russia.

Fonte: TGCom.

Bimbi nella Rete

Bimbi nella Rete – “Il turismo contro la pedofilia on-line”
ECPAT parteciperà alla tavola rotonda Bimbi nella Rete – “Il turismo contro la pedofilia on-line” che si terrà Giovedì 10 Luglio alle ore 10.00 presso il Palazzo delle Esposizioni a Roma, Via Milano 9/a, nella persona di Yasmin Abo Loha, Coordinatrice dei Programmi di ECPAT-Italia.

Saranno presenti autorevoli protagonisti di questa lotta che ci vede in prima linea. Solo per fare alcuni nomi: Vulpiani (Direttore Polizia Postale e Comunicazioni; Don Di Noto (Fondatore di Meter); Salvan (direttore Generale Unicef) e molti altri.

Qui trovate la locandina col programma completo.

A cosa porta?

” Guerra, peste e carestia vanno sempre in compagnia…”

Proverbio italiano.