Come Anna Politkovskaya

L’erede di Anna Politkovskaya è stata uccisa in un agguato insieme a un avvocato icona della lotta per i diritti civili in Cecenia. Anastasia Baburova, 25enne praticante giornalista della Novaya Gazeta, è morta per una ferita d’arma da fuoco alla testa. Secondo la polizia è rimasta vittima di un attentato il cui vero obiettivo era Stanislav Markelov, l’avvocato 34enne che si era battuto per condannare i crimini di guerra russi.

Markelov aveva appena finito di parlare con i giornalisti quando un sicario gli ha sparato alla nuca e ha poi fatto fuoco contro la giovane giornalista, autrice di numerosi reportage sul crescente razzismo e ultranazionalismo in Russia. L’avvocato si era battuto contro il rilascio anticipato del colonnello Yuri Budanov, l’ufficiale più alto in grado a essere condannato per crimini di guerra da un tribunale russo.

Nel processo contro il colonnello Budanov, Markelov aveva rappresentato la famiglia di Elza Kungayeva, una 18enne cecena stuprata e uccisa da un gruppo di soldati russi. Nel 2000 l’ufficiale era stato arrestato, incriminato per il delitto e condannato a 10 anni, ma era tornato in libertà nonostante la campagna condotta dall’avvocato contro il rilascio. L’uccisione di Elza era diventata il simbolo degli abusi commessi in Cecenia dalle truppe russe e la liberazione del colonnello era stata accolta con un’ondata di proteste. Il padre dell ragazza, minacciato di morte, è costretto all’esilio in Norvegia.

“Quanto accaduto a Markelov è oltraggioso”, ha detto Tanya Lokshina, vice capo di Human Rights Watch a Mosca, definendo l’omicidio choccante quanto quello di Anna Politkovskya nel 2006, la giornalista crisita del Cremlino che aveva scritto sulle violazioni dei diritti umani in Cecenia. L’associazione per i diritti umani Amnesty International ha esortato le autorità russe a indagare sull’omicidio “prontamente, pienamente e obiettivamente”.

Fonte: TGCom.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...