Nasce il Centro Marsiglia per l’Integrazione nel Mediterraneo

Migliorare la cooperazione, incoraggiare lo sviluppo durevole e favorire una maggiore integrazione delle politiche dei Paesi Med.
E’ questo l’obiettivo dichiarato del nuovo Centro di Marsiglia per l’integrazione nel Mediterraneo (CMIM), lanciato nella citta’ francese in occasione della Settimana economica del Mediterraneo.
Il nuovo organismo – che conta tra i suoi fondatori, oltre al governo francese, alla Banca Mondiale e alla Banca europea degli Investimenti (Bei), i governi di Egitto, Giordania, Libano, Marocco e Tunisia – si propone come una piattaforma di assistenza tecnica alla modernizzazione delle politiche pubbliche dei Paesi del Mediterraneo, in molteplici settori come lo sviluppo urbano, i trasporti, la prevenzione dei cambiamenti climatici e il sostegno all’innovazione delle Pmi.
Il Centro dovra’ anche favorire forme di partenariato tra le Sponde Nord e Sud per realizzare le numerose iniziative in programma nella regione, in particolare quelle indicate come prioritarie dall’Unione per il Mediterraneo. ”L’Upm funziona secondo la cultura dei progetti, dunque bisognera’ mettere in piedi dei progetti di partenariato tra pubblico e privato”, afferma Renaud Muselier, vicesindaco di Marsiglia e presidente del Consiglio culturale dell’Upm. ”L’obiettivo della Banca Mondiale e’ di favorire l’integrazione regionale attraverso le scambio di conoscenze, l’armonizzazione degli standard e delle leggi e la promozione di progetti di sviluppo regionale”, spiega Shamshad Akhtar, vicepresidente della Banca Mondiale per la regione Middle East North Africa (MENA). ”Faremo in modo – assicura – che questo partenariato porti a risultati concreti per la regione e contribuisca a ridurre la disoccupazione e la poverta”’. Per Philippe de Fontaine Vive, vicepresidente della Bei, ”il Centro di Marsiglia mira ad instaurare un partenariato di qualita’, associando totalmente i Paesi della riva sud alla riflessione sui progetti e alla loro realizzazione”.
Per ora sono 14 i programmi che saranno sviluppati nell’ambito del CMIM, in cinque settori: sviluppo urbano e del territorio, sviluppo durevole, occupazione e mobilita’ professionale, trasporti e logistica, innovazione.

Fonte: AnsaMed.

24 - Porto Marsiglia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...