Preparavano attentati contro i musulmani in America: l’FBI arresta miliziani cristiani.

Dopo il terrorismo islamico, il terrorismo cristiano? Nel timore che preparassero attacchi e attentati contro i musulmani in America, l’Fbi, la polizia federale, ha arrestato alcuni leader di una milizia, la Hutaree (il nome significherebbe “Guerrieri di Dio”) che afferma di combattere gli anti Cristo. La Hutaree, che si definisce “milizia cristiana”, è basata nella cittadina di Adrian nel Michigan e ha iscritti in Ohio e in Indiana. Secondo l’Fbi, predicherebbe una crociata contro l’Islam.
La polizia federale ha fatto una retata dei suoi leader in tutti e tre gli stati, la prima del genere. Gli arresti andrebbero da otto a dieci.
A quanto riferito da Mike Lackomar, il capo della Milizia volontaria del Michigan, la Hutaree «è una setta religiosa armata», non una associazione paramilitare consentita dalla legge. Essa ritiene che la fine del mondo sia prossima, ha spiegato, e che sia suo compito schierarsi con le forze del Signore contro quelle di Satana. «Noi collaboriamo alle indagini dell’Fbi» ha aggiunto Lackomar. Il capo miliziano ha precisato di avere ricevuto una richiesta di aiuto da un leader di Hutaree al momento del raid della Fbi, ma di averla respinta: «In passato i suoi membri si esercitarono con noi, ma recentemente abbiamo ridotto i rapporti. Noi siamo semplici patrioti». Sugli arresti e sugli obbiettivi di Hutaree l’Fbi mantiene un rigido riserbo. Ma secondo Dawud Walid, il direttore del Consiglio sulle relazioni tra l’America e l’Islam nel Michigan, l’operato della setta ha messo in allarme la comunità musulmana. Stando alla tv Abc, che lo ha chiamato «un gruppo di estremisti di destra», l’Fbi avrebbe raccolto le necessarie prove a carico di Hutaree.
A un sito internet, un membro della milizia cristiana in fuga lo ha però negato, accusando la polizia federale di dare la caccia «alle nostre mogli e ai nostri bambini». Un chiaro riferimento a due traumatici episodi degli Anni novanta in cui perirono donne e minori. Negli Anni novanta, a Ruby ridge e a Waco nel Texas l’Fbi combatté due battaglie prima contro estremisti di destra poi contro la setta dei davidiani, facendo numerose vittime. Sulla scie delle due tragedie, si moltiplicarono le milizie che rivendicano la libertà degli americani di armarsi in base alla Costituzione, e rimproverano a Washington di aver ordito una congiura a danno della libertà dei cittadini assieme a un misterioso governo mondiale. Nel ‘95, Timothy McVeigh, un loro giovane simpatizzante, fece esplodere il Palazzo federale di Oklahoma city, uccidendo 167 persone, la strage più grave della storia americana prima di quella delle Torri gemelle di Manhattan nel 2001. Da allora, l’Fbi ha operato periodici arresti tra le milizie, in genere per complotti o detenzione abusiva di esplosivi, soprattutto nel sud, dove operano la Arizona viper militia, la Georgia republic militia, la Oklahoma consititutional militia e altre. Le milizie annoverano in tutto migliaia di iscritti, sono di solito formate da bianchi, e alcune di esse sono razziste.

Fonte: Corriere della Sera.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...