Vecchia Europa in disarmo

Le misure d’emergenza varate per ridurre spesa pubblica e deficit stanno abbattendosi anche sui bilanci della Difesa. Negli Stati Uniti la spesa militare è considerata un volano per il rilancio dell’economia e il Congresso ha approvato per il 2011 un bilancio 726 miliardi di dollari che, anche togliendo i 159 miliardi che finanzieranno i conflitti in Iraq e Afghanistan, lascia al Pentagono 23 miliardi in più rispetto a quest’anno. Anche Cina e India continuano a registrare incrementi di spesa.
Pechino ha innalzato quest’anno “solo” del 7,5% un budget che ufficialmente ammonta a 78 miliardi di dollari (ma Washington stima sia almeno il doppio) mentre il budget di Nuova Delhi ha raggiunto i 36 miliardi. In Russia, dopo le riduzioni del 15% del 2009, quest’anno non sono per ora stati annunciati tagli al bilancio di 36 miliardi di dollari, cifra che include anche 10 miliardi per rinnovare armi e mezzi per il 90% obsoleti.
Difficoltà gravi emergono invece in Europa, dove il crack greco ha portato i governi a manovre che, nel campo della Difesa, attuano tagli drastici ma non sempre ponderati. Per risparmiare, Atene ha ridotto del 25% le spese correnti e ritirerà il contingente dal Kosovo, il Portogallo attuerà manovre simili, in Romania l’80% del bilancio (1,8 miliardi di dollari) se ne va in stipendi e in Austria riduzioni di oltre il 10% del bilancio (2 miliardi di dollari) impediscono manutenzioni e addestramento. Berlino ha varato un piano da 4,3 miliardi di euro in tre anni su un bilancio di 31 con la chiusura di basi, la riduzione di almeno 40mila effettivi, la messa a terra di alcuni caccia Typhoon e bombardieri Tornado e la radiazione anzitempo di motovedette e sottomarini. Tagli sono previsti anche al sistema di difesa antimissile Meads, agli elicotteri Nh 90 e agli aerei cargo A-400M.
Scelte simili sono in atto in Spagna, dove a un taglio del 6,4% già attuato su un bilancio di circa 8 miliardi di euro potrebbero aggiungersi nuove decurtazioni, compromettendo l’acquisizione di aerei e blindati. La Francia, con un bilancio di 32 miliardi, ha attuato nel 2008 un ampio piano di ristrutturazione della Difesa, ma sta mettendo a punto nuovi tagli stimati tra i 2 e i 5 miliardi di euro da spalmare sui prossimi tre anni. In Gran Bretagna l’austerity firmata Cameron-Clegg porterà a dismettere i mezzi più vecchi (cingolati, artiglierie, elicotteri e velivoli) riducendo o dilazionando le nuove acquisizioni per risparmiare almeno 7 miliardi di sterline in cinque anni su un bilancio quest’anno di 36,8 miliardi. A quanto sembra verranno salvaguardati i programmi già contrattualizzati (come quello per le due nuove portaerei), l’abbandono dei quali comporterebbe sanzioni da versare all’industria che vanificherebbero i risparmi ottenuti.
Un aspetto quest’ultimo comune a tutti i paesi europei nei quali infatti i tagli colpiranno soprattutto il trattamento economico del personale e l’esercizio, cioè l’addestramento dei reparti, la manutenzione e gestione di mezzi e infrastrutture.
Il rischio è quindi di disporre di armi nuove e sofisticate, ma di non avere le risorse per gestirle come sta già accadendo in Italia, dove mancano i fondi per riparare i mezzi danneggiati in Afghanistan e il carburante per i jet e le navi, inclusa la nuova portaerei Cavour. Roma non ha ancora indicato dove i nuovi tagli stimati tra 1 e 1,5 miliardi di euro andranno a incidere, ma le decurtazioni già approvate dalle precedenti Finanziarie hanno reso quasi impossibile addestrare i reparti.
Se in Europa la crisi ingigantisce gli effetti della mancata integrazione militare, in Italia pesa l’assenza di una ridefinizione del Modello di difesa, ancora anacronisticamente legato a un organico di 190mila militari. Qualche migliaio in più dei britannici, che però spendono oltre il triplo dei 14 miliardi del budget italiano di quest’anno per la Difesa. In assenza di una pianificazione concreta che stabilisca obiettivi e risorse, le forze armate italiane rischiano la paralisi e sopravvivono solo grazie ai fondi extra-bilancio per le missioni oltremare.
In tutta Europa si punta a garantire quanto oggi necessario alle truppe schierate in Afghanistan privilegiando i mezzi per la contro-insurrezione. Una scelta giustificata, ma che rischia di sacrificare la pianificazione indispensabile per disporre di forze in grado di far fronte a ogni tipo di minaccia futura, anche convenzionale. Anche per questo il segretario generale della Nato, Anders Foigh Rasmussen, ha messo in guardia gli alleati da un disarmo che «potrebbe minacciare la stabilità internazionale e quindi limitare le prospettive di crescita».

Fonte: Il Sole 24 Ore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...