Una giornata nell’antica Roma

Devo ammetterlo.
Per questo libro partivo decisamente prevenuta.
E ricredersi è stato tutto, fuorché spiacevole.

Ho intrapreso la lettura spinta da un amico che ben conosce i miei gusti riguardo alla Storia.
Il mio essere scettica deriva da un’atavica avversione per i volti televisivi (anche se di tutto rispetto) che si propongono su carta.

I miei dubbi hanno iniziato a rarefarsi sbirciando l’introduzione in libreria:

La grande Storia raccontata da tante piccole storie.
Mi sono reso conto che queste preziose informazioni sul mondo romano non arrivano quasi mai alla gente e spesso rimangono “prigioniere” nelle pubblicazioni specialistiche o nei siti archeologici. Ho quindi provato a raccontarle.
Il modo migliore per ordinare tutte queste informazioni è stato quello di seguire lo scorrere di una giornata. A ogni ora corrisponde un luogo e un volto della Città eterna con le sue attività. E così, momento dopo momento, si scopre la vita quotidiana nell’antica Roma.
[…]
Rimane un’ultima domanda: perché un libro su Roma?
Perché il nostro modo di vivere è figlio di quello romano.
Immaginate, oggi, di mettere assieme le popolazioni della Cina, degli Stati Uniti e della Russia: l’Impero romano aveva una proporzione persino superiore rispetto alla popolazione mondiale di allora…
Roma era diventata la città più popolosa del pianeta: quasi un milione e mezzo di abitanti. Qualcosa che non s’era mai visto da quando era comparso Homo sapiens…
Come riuscivano a vivere tutti assieme?
Questo libro vuole scoprire quale fosse la vita di tutti i giorni nella Roma imperiale, al momento della massima espansione del suo dominio sul mondo antico.
La vita di decine di milioni di persone in tutto l’Impero dipendeva da quello che si decideva a Roma. Ma, a sua volta, la vita di Roma da cosa dipendeva?
Era il frutto di una ragnatela intricata di rapporti tra i suoi abitanti. Un universo sorprendente e irripetibile nella storia, che conosceremo esplorando una giornata qualsiasi.

Da qui si ha un quadro chiarissimo della struttura del saggio.
Pagine godibilissime che ci conducono lungo tutte le ore di una giornata qualsiasi nella Roma antica.
Tre fattori mi hanno fatto apprezzare ogni capitolo:
– le descrizioni sono minuziose ma mai pedanti: il dettaglio dei cibi consumati nei vari pasti, la struttura degli edifici, il cambio delle monete rispetto a quello attuale, i divertimenti, il lavoro…è tutto tratteggiato in maniera precisa ma vivace, senza mai annoiare;
– tutte le raffigurazioni sono poi proposte al lettore in duplice lettura: quella dal punto di vista delle classi più agiate, e la prospettiva di quelle più umili, schiavi compresi;
– anche un’appassionata di Storia come la sottoscritta si è imbattuta in molte nuove rifiniture , ed inoltre la descrizione del “già visto” è resa particolare grazie alla prospettiva insolita scelta dall’io narrante, che non segue una persona per tutta la giornata. Ma lascia invece che il suo sguardo venga attirato ora da questo, poi dall’altro soggetto che gli passa accanto.

Si inizia allora con il risveglio, la colazione e la preparazione per uscire di casa.
Il caos delle vie, delle botteghe, della vendita del bestiame e di quella degli schiavi per poi scendere fino al Foro, alle terme e al Colosseo per lo spettacolo. Una descrizione che non ha bisogno di cadere nello splatter perché è accurata e cruda nei particolari così come si mostrava agli occhi degli spettatori.
Con la stessa mancanza di voli pindarici viene mostrato in che modo vengono trattati gli schiavi, a meno che non possiedano padroni particolarmente giusti.
Ci si muove poi rapidi, per rincasare in fretta ed evitare il buio di una notte che arriva troppo velocemente su Roma.
Ma la giornata non è al suo termine: è l’ora di cena, momento per rifocillarsi e continuare a chiacchierare di lavoro ed interessi tra le varie portate e l’intrattenimento degli schiavi.
E poi addentrarsi nell’oscurità a scrutare le camere da letto, per carpire le abitudini sessuali del tempo. Così diverse dalle nostre, ma così ben regolate.

Questa mia piccola recensione è volutamente molto breve.
Continuando ad elencare ulteriori dettagli, rischio di vanificare il piacere della vostra personale lettura.
Perché confrontandomi con altri fruitori di questo testo ho notato come diversi occhi riescano a cogliere differenti sfumature. Che è un po’ l’obiettivo di Alberto Angela: non seguirmi in modo passivo, ma guardati intorno e cogli quel che io non riesco a vedere.
A mio parere è un’ottima opera che si legge comodamente in un paio di pomeriggi.
E sono convinta che l’autore sia riuscito nel suo intento principale: fare in modo che certi minuti particolari possano essere conosciuti anche dal grande pubblico.
Per arricchire la formazione di chi già è appassionato della materia, così come per avvicinare alla Storia tutti quelli che ancora la ritengono un argomento soporifero.

Titolo: Una giornata nell’antica Roma. Vita quotidiana, segreti e curiosità
Autore: Alberto Angela
Ed: Mondadori, 331 pagine, 12euro

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...