Il colore degli occhi

Sulla questione della discriminazione razziale, la conferenza di Addis Abeba ha insegnato, a coloro che vorranno imparare, questa ulteriore lezione.
Finché l’idea di una razza superiore e una inferiore non sarà finalmente e definitivamente screditata e abbandonata.
Finché non ci saranno più cittadini di prima e di seconda classe in nessuna nazione.
Finché il colore della pelle di un uomo non sarà più significativo del colore dei suoi occhi.
Finché i diritti umani fondamentali non saranno garantiti ugualmente a tutti senza riguardo alla razza
Fino a quel giorno, il sogno della pace durevole e della cittadinanza del mondo e del dominio della moralità internazionale resterà solo una pia illusione, da ricercare senza mai poterla raggiungere…

Haile Selassie dal discorso all’ONU del 6 ottobre 1963.

Annunci

2 risposte a “Il colore degli occhi

  1. Grandi parole! Dal 1963 abbiamo fatto più passi indietro o più in avanti?
    Chi vorrà imparare per dare a tutti gli uomini la dignità della loro persona?
    Non perdo la speranza nell’uomo, ma credo che la strada da fare sia ancora tanta…..

    • Abbiamo fatto tantissimi passi indietro. Perché se tante sono le persone che combattono contro il razzismo, altrettante sono quelle che si sono ancor più “incattivite”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...