Stragi naziste: la Germania vince il ricorso contro l’Italia

La Germania non paga. Vi mando all’articolo di Lettera43: http://www.lettera43.it/attualita/38582/stragi-nazi-berlino-non-paga.htm .

Annunci

Bambini sporchi di cioccolato

Arrivano spesso dal Mali, dove vengono acquistati da intermediari che poi (una volta oltrepassato il confine con la Costa d’Avorio) li rivendono per l’equivalente di poche centinaia di euro ai proprietari delle piantagioni di cacao, dove i bambini vengono schiavizzati finché non ripagano un debito che non hanno chiesto di contrarre.
Sono loro, bambini di età compresa tra i cinque ed i quindici anni, il gradino inferiore nella scala dello sfruttamento mondiale del mercato del cacao, un mercato dove neanche l’”equo-solidale” sembra essere davvero equo.

Vi rimando a questo lodevole report, corredato da un ottimo testo e supporti video.
Per tastare come la gioia di un morso di cioccolata non sia uguale per tutti i bambini.

Dialogo con i talebani per una pace duratura

Dialogare con i propri nemici non è mai stato facile per l’America, un paese dalle distinzioni nette che divide in buoni e cattivi, neri e bianchi con evanescenti sfumature di grigio.
Tuttavia, proprio il confronto verbale riesce a far cessare una parte dei conflitti.
Di questo è consapevole il Presidente Obama, è ora che la guerra decennale in Afghanistan arrivi alla fine.

Da un articolo del Newsweek.

Dov’è un piano Marshall per il Pakistan?

Perché si deve, ora più che mai, aiutare le autorità pakistane a riemergere da una situazione di stallo?
La risposta in un articolo di USAToday.

Dagli occhi del soldato

Durante le operazioni in teatro i soldati impegnati in Afghanistan si sono filmati tra di loro per anni, grazie a delle microcamere montate sugli elmetti.
Il Ministero della Difesa britannico ha deciso di raccogliere tutte queste soggettive, non censurarle e creare una serie di documentari che saranno trasmessi dalla rete televisiva BBC.

Articolo e video di presentazione dal sito della BBCNews.

Serbia: arrestato Ratko Mladic

Dopo anni di ricerche il superlatitante Ratko Mladic l’ex generale dell’esercito dei serbi di Bosnia, che è accusato di genocidio e di crimini contro l’umanità, è stato arrestato in Serbia a 80 km da Belgrado. Lo ha annunciato la tv di Stato. Mladic sarebbe già in viaggio verso il Tribunale penale internazionale dell’Aja dove è stato condannato a 46 anni di carcere.

L’uomo , che dice di chiamarsi Milorad Komadic, è in realtà Ratko Mladic, l’ex capo militare dei serbi di Bosnia ricercato per genocidio e crimini contro l’umanità. L’arresto è avvenuto nel corso di una operazione speciale delle forze di polizia. Attualmente sono in corso le analisi sul Dna per accertare senza ombra di dubbio se si tratti effettivamente di Mladic, uno dei due ultimi criminali di guerra serbi ancora latitanti e richiesti dal Tribunale penale internazionale dell’Aja (Tpi). L’altro è Goran Hadzic, ex capo politico dei serbi di Croazia. La Serbia è obbligata ad arrestare Mladic, ricercato dal tribunale per i crimini di guerra Onu per l’ex-Jugoslavia per genocidio durante la guerra bosniaca del 1992-1995, se vuole entrare nell’Unione europea.

Dopo l’arresto di Ratko Mladic «penso che per la Serbia le porte dell’Ue siano ora aperte» ha dichiarato il presidente serbo Boris Tadic durante la conferenza stampa con cui ha confermato l’arresto del super-latitante ricercato dal 1995. La cattura di Ratko Mladic «chiude una pagina di storia per la Serbia e ne apre una nuova, verso il futuro». Tadic non ha voluto confermare il luogo preciso dell’arresto (che sarebbe il villaggio di Lazarevo, a 80 chilometri da Belgrado), ma ha detto che è stato preso in territorio serbo.«Non starò ad analizzare tutti i dettagli di tutte queste indagini cruciali ancora in corso, e solo una volta finite diremo dove e come è stato arrestato».

Il Tpi accusa Mladic di essere coinvolto in torture, abusi, violenze sessuali e percosse nei confronti di musulmani di Bosnia e di aver creato nei centri di detenzione condizioni «calcolate per provocare la distruzione fisica dei musulmani di Bosnia». L’ex capo militare dei serbi di Bosnia deva anche rispondere dei tentativi di occultare le esecuzioni dei musulmani bosniaci a Srebrenica, con la tumulazione in luoghi isolati dei corpi esumati dalle fosse comuni. Per il tribunale Mladic «faceva parte di un’associazione per delinquere il cui obiettivo era l’eliminazione o la rimozione permanente dei musulmani e dei croati bosniaci o della popolazione non serba di vaste aree della Bosnia Erzegovina».

Mladic è nato nel 1942 nel villaggio di Kalinovik, in Bosnia, che allora faceva parte della Jugoslavia, ed entrò nell’esercito jugoslavo. Quando il paese cominciò a disintegrarsi, nel 1991, fu inviato a guidare il nono corpo d’armata jugoslavo contro i croati a Knin. Quindi prese il comando del secondo distretto militare jugoslavo, a Sarajevo. Nel maggio 1992, l’assemblea dei serbi di Bosnia votò la creazione di un esercito serbo di Bosnia, nominando Mladic comandante. Il generale guidò le truppe durante tutto il conflitto di Bosnia. Alla fine della guerra tornò a Belgrado ed entrò in latitanza. Fino al 2001 fu segnalato nel dintorni della capitale serba, sotto la protezione di Milosevic. Nel 2004 emerse la notizia che Mladic veniva aiutato dalle forze militari serbe di Bosnia, mentre nel 2008 Belgrado ha ammesso che Mladic godette di protezioni militari fino a metà 2002.

La cattura di Ratko Mladic è «una vera e propria svolta» e «rappresenta un test di grande maturità democratica della Serbia, che l’avvicina ulteriormente all’Europa e all’Unione europea» ha commentato il ministro degli Esteri, Franco Frattini.
«Quasi sedici anni dopo il suo rinvio a giudizio per genocidio e altri crimini di guerra il suo arresto finalmente offre la possibilità di fare giustizia» sottolinea invece il segretario generale della Nato Anders Fogh Rasmussen.
L’arresto di Mladic è «un importante passo in avanti per la Serbia e per la giustizia internazionale» afferma invece in una nota l’Alto rappresentante Ue per la politica estera e di sicurezza Catherine Ashton.

Fonte: Corriere della Sera.

Il punto sullo Yemen

L’ approfondimento e tutti gli aggiornamenti dal sito di Aljazeera.