Archivi tag: servizi segreti

Ridefinire una lunga guerra

Un interessante articolo della WPR, dove in pochi punti si cerca di capire come gli Stati Uniti possano ottenere la massima resa defalcando gli sforzi.

Pakistan: pazienza e non punizioni

Il constatare che Osama Bin Laden ha vissuto a meno di un miglio da un’accademia militare pakistana ha sollevato una serie di interrogativi sulla situazione dell’Esercito e dei servizi di intelligence pakistani, puntando il dito e l’obiettivo sulla debolezza di questo Stato.
Un articolo del New York Times.

Braccio di ferro Letta – COPASIR

Se il Copasir non ritrova l’unanimità, il governo non trasmetterà i documenti riservati sulle inchieste e le indagini svolte da palazzo Chigi sui servizi segreti.
È stato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, a comunicarlo ieri al comitato parlamentare per la sicurezza della repubblica presieduto da Massimo D’Alema, riunitosi per rinnovare – con una decisione che ha visto contrari i componenti Pdl e Lega – l’invito all’audizione del premier Silvio Berlusconi.
La mole delle attività di verifica e controllo sui nostri servizi, svolte da un gruppo di ispettori di palazzo Chigi – un magistrato, un generale dell’esercito, un prefetto e un ambasciatore – annovera almeno una decina di fascicoli. Sono tre, in particolare, le inchieste, le carte che scottano insomma: il caso Abu Omar e l’opposizione del segreto di Stato; il presunto pedinamento, da parte di alcuni agenti, di Italo Bocchino (Fli); e – la più delicata, non è stata ancora conclusa – la questione del ruolo avuto o meno dagli 007 nelle stragi di mafia.
Documento molto attesi, viste le implicazioni politiche che ne potrebbero derivare. Ma il clima infuocato al Copasir, con l’opposizione diventata maggioranza grazie all’alleanza con Carmelo Briguglio (Fli), ha dilaniato il clima in prevalenza bipartisan del comitato e ha logorato i rapporti, finora cordiali e diplomatici, con Gianni Letta.
La lettera di D’Alema per chiedere di nuovo l’audizione di Berlusconi ha sancito definitivamente le spaccature già delineatesi diverse settimane fa.
Scartata l’ipotesi che il Cavaliere si presenti in audizione, non è escluso a questo punto che si alzi ancora il livello dello scontro: magari con una lettera ai presidenti di Camera e Senato per stigmatizzare la mancata presentazione del premier. «Sarebbe un ulteriore atto di disprezzo del Parlamento» dice D’Alema.
Replica Fabrizio Cicchitto (Pdl): l’iniziativa della lettera «rientra in una campagna strumentale contro Berlusconi».
Aggiunge Gaetano Quagliarello (Pdl): «Il Copasir diventa arma impropria di lotta politica». Carmelo Briguglio (Fli) stigmatizza invece «l’uso delle scorte del capo del Governo in compiti del tutto estranei a quelli istituzionali». Giuseppe Caforio (Idv) sottolinea il tema «della sicurezza e segretezza delle varie residenze del premier». Ed Ettore Rosato (Pd) osserva: «Il Pdl sta difendendo l’indifendibile, cioè l’indifferenza di Berlusconi nei confronti dei problemi del paese».

Fonte: Il Sole 24 Ore.

Sondaggio ICSA sui Servizi Segreti

La Fondazione ICSA (Intelligence Culture and Strategic Analysis) ha realizzato nel periodo compreso tra il 14 ed il 25 gennaio 2010, una indagine campionaria diretta a verificare il grado di fiducia e il livello di conoscenza dei Servizi Segreti italiani, presso l’opinione pubblica nazionale.
Inoltre, ICSA ha analizzato un segmento specifico del campione di età compresa tra i 18 ed i 34 anni, esplorandone il quadro motivazionale e le forme di reclutamento preferite per lavorare nell’Intelligence. Il comitato di direzione che ha curato l’indagine è composto dal Pref. Carlo De Stefano, dal Prof. Italo Saverio Trento e dal Gen. Leonardo Tricarico.
La nota metodologica del sondaggio è presente sul sito dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni www.agcom.it .

I risultati dell’indagine .
L’articolo pubblicato sul settimanale “Panorama” .

Fonte: Fondazione ICSA.

Difesa e 007, nuovo modulo d’attacco.

Una nuova squadra per affrontare le sfide prossime venture.
Il Consiglio dei ministri ha nominato il generale di corpo d’armata Adriano Santini direttore dell’Aise, l’Agenzia per la sicurezza esterna, in sostituzione dell’ammiraglio Branciforte.
Nuovo assetto anche alla Difesa, dove il generale Claudio Graziano diventa il nuovo capo di gabinetto del ministro Ignazio La Russa.
Graziano è appena rientrato dal Libano dove ha comandato l’Unifil, la missione dell’Onu. Sostituisce il generale Biagio Abrate, nominato segretario generale degli armamenti. Due ufficiali di grande esperienza internazionale. Ancora più importante in questo momento nel quale le minacce sono sempre più globalizzate. E non solo dal punto di vista strettamente militare. In un momento di forte crisi economica, la difesa degli interessi nazionali si fa prioritaria nei settori industriali e nella protezione delle reti strategiche.

Campi che vedono gli 007 in prima linea in quel conflitto sotterraneo, invisibile ai più, che può provocare gravi danni alla tenuta del Paese. Una battaglia che si gioca, come ha ultimamente spiegato il direttore del Dis, Gianni De Gennaro, nel cyberspazio.
Territorio senza legge nel quale si muovono hacker al servizio di potenze economiche e terroristi internazionali. Pirati di internet che sfruttano il mimetismo della Rete per raggiungere i propri bersagli. Il generale Adriano Santini, consigliere militare di Berlusconi dall’agosto del 2008, vanta una discreta esperienza internazionale. Ha ricoperto l’incarico di addetto per l’Esercito presso l’ambasciata d’Italia a Londra dal ’98 al 2001 e quello di Italian Senior National Representative a Tampa in Florida nel 2003. Da giugno a novembre 2003 ha comandato il contingente nazionale interforze nell’ambito dell’operazione «Antica Babilonia» in Iraq.

Graziano, generale degli Alpini, è stato addetto militare a Washington, ha avuto il comando della Brigata multinazionale Kabul in Afghanistan e la responsabilità dell’area operativa della provincia di Kabul fino al 6 febbraio 2006. Dal 2007 e, fino a pochi giorni fa, è stato il comandante della missione Unifil in Libano. Due uomini, quindi, che conoscono il «terreno» insidioso dei rapporti internazionali e delle minacce reali. Da due scrivanie diverse dovranno fornire le giuste informazioni per proteggere i nostri soldati schierati nei teatri internazionali e gli interessi dell’Italia, dentro e fuori i confini.

Fonte: Il Tempo.

COPASIR: Massimo D’Alema è il nuovo presidente.

Massimo D’Alema è stato eletto all’unanimità presidente del Copasir, il comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica.
Il deputato e dirigente Pd come membro del Copasir era subentrato nei giorni scorsi a Emanuele Fiano. Sostituisce così alla presidenza il dimissionario Francesco Rutelli, che resta componente dell’organismo.

Il Copasir è un organo del Parlamento italiano che svolge funzioni funzioni di controllo sull’operato dei servizi segreti.
È composto da cinque deputati e altrettanti senatori, nominati dal Presidente del Senato e della Camera, in modo da rappresentare proporzionalmente le principali forze politiche che li compongono mentre il Presidente viene eletto tra i componenti appartenenti ai gruppi parlamentari dell’opposizione, per precisa disposizione di legge.

Fonte: Corriere della Sera.

Una cultura al servizio del Paese

La cortese ospitalità di “Formiche” mi offre l’occasione per svolgere alcune considerazioni di carattere generale sullo stato della riforma dei Servizi di informazione a circa due anni e mezzo dalla sua approvazione.

La legge 3 agosto 2007, n.124, rimane, ad oggi, uno dei rari casi di legislazione bipartisan prodotta dal Parlamento italiano sul difficile terreno delle riforme istituzionali e rappresenta un esempio da imitare sotto molti profili: l’ampio consenso politico ha saputo infatti tradursi in un intervento riformatore di grande portata, che ha profondamente innovato uno dei settori più delicati dell’amministrazione pubblica del nostro Paese.

Certamente è anche una legge di grande complessità sotto il profilo dell’attuazione: sono infatti dodici i regolamenti che integrano oggi le previsioni legislative, formando un corpus normativo organico ed unitario, grazie al quale la riforma sta cominciando a dispiegare i suoi effetti, naturalmente poco visibili – data la materia – eppure molto concreti.

Si è trattato di un lavoro di elaborazione giuridica davvero impegnativo, vuoi per l’assoluta novità di molti temi, vuoi per il forte impatto organizzativo delle norme messe a punto; si pensi solo, a titolo di esempio, ai regolamenti che disciplinano nel dettaglio due aspetti tipici dell’operatività dei servizi di informazione: le identità di copertura e le attività economiche simulate.

Ma ciò che più conta è che tutto questo non facile lavoro è stato svolto in un clima di stretta e proficua collaborazione con il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, il rinnovato COPASIR, chiamato dalla legge ad esprimere il proprio parere su tutti gli schemi di regolamento predisposti dal Governo.

È stato lo stesso Comitato a sottolineare, nella sua prima Relazione annuale al Parlamento l'”eccellente rapporto di collaborazione istituzionale costante con l’Esecutivo sugli strumenti istituzionali concernenti la sicurezza nazionale, un rapporto che risponde alle rispettive esigenze di assicurare un’efficace e corretta gestione dei Servizi di sicurezza e un più soddisfacente ruolo dell’organismo parlamentare”.

Se si tiene conto che il Comitato, per espressa previsione della legge, è composto in ugual misura da esponenti della maggioranza e delle opposizioni e che il suo Presidente deve esser eletto tra questi ultimi, è facile dedurre che lo spirito bipartisan che contrassegnò l’iter parlamentare della riforma ne ha accompagnato anche la complessa fase di prima attuazione e, posso assicurarlo, permane ora in quella di piena entrata a regime.

È questo un dato politico-istituzionale di decisiva importanza per il successo di una legge che si è posta un obiettivo necessariamente ambizioso e di grande respiro – l’istituzione di un “sistema” di informazione – per garantire un valore costituzionale primario, “la sicurezza della Repubblica”.

La stessa Corte Costituzionale ha recentemente avuto occasione di richiamare la sua giurisprudenza sul “supremo interesse della sicurezza dello Stato nella sua personalità internazionale, e cioè l’interesse dello Stato-comunità alla propria integrità territoriale, alla propria indipendenza e – al limite – alla sua stessa sopravvivenza”.

Un interesse, ha sottolineato la Corte, che nella nostra Carta costituzionale trova espressione all’articolo 52, in base al quale la difesa della Patria è sacro dovere del cittadino. Norma tutt’altro che isolata, se è vero che essa deve essere posta “in relazione con altre norme della stessa Costituzione che fissano elementi e momenti imprescindibili del nostro Stato” quali “la indipendenza nazionale, i principi della unità e indivisibilità dello Stato (art. 5) e la norma che riassume i caratteri essenziali dello Stato stesso nella formula di “Repubblica democratica””.

Quella che mi sono appena permesso di richiamare (Corte Cost. sent. n. 106 del 3 aprile 2009) non è solo la efficace sintesi di una trentennale, consolidata giurisprudenza della Corte, ma è anche la puntuale ricognizione del perimetro costituzionale nel quale si inscrive – ed al quale è saldamente ancorato – il complesso delle missioni istituzionali affidate dalla riforma alle due Agenzie di informazione: ricerca ed elaborazione di “tutte le informazioni utili alla difesa dell’indipendenza, dell’integrità e della sicurezza della Repubblica” per l’AISE, ricerca ed elaborazione di tutte le informazioni utili a difendere “la sicurezza interna della Repubblica e le istituzioni democratiche poste dalla Costituzione a suo fondamento” per l’AISI.

In estrema sintesi, si tratta dunque di raccogliere ed elaborare tutte le informazioni utili a difendere la Repubblica, vale a dire non il solo apparato statale, bensì lo Stato-comunità, come ha opportunamente sottolineato la Corte Costituzionale.

In altri – e meno giuridici – termini, la riforma mira a porre l’intelligence al servizio del sistema-Paese e, di conseguenza, concepisce l’intelligence stessa come un sistema, cioè come un insieme di parti cooperanti tra di loro per il conseguimento del fine comune, che coincide con la stessa salus rei publicae.

La nozione di sistema costituisce la chiave interpretativa per l’attuazione della nuova disciplina: fare sistema significa, in questo caso, saper diminuire la separatezza tra i diversi apparati, coordinandone il funzionamento senza pregiudicare la riservatezza che è condizione irrinunciabile di successo.

In questa prospettiva appare fondamentale, innanzitutto, la scelta del legislatore di accentrare nel vertice di governo tutta la responsabilità politica delle attività di informazione per la sicurezza, sulla falsariga di quanto avviene nella maggior parte delle democrazie occidentali.

Funzionale a questa impostazione è anche il rafforzamento del Comitato interministeriale (CISR) che coadiuva il Presidente del Consiglio nella direzione del settore; qui, infatti, può realizzarsi al più alto livello quel coordinamento delle esigenze informative che rappresenta la prima condizione per una informazione di qualità ed effettivamente rispondente alle esigenze del Governo e del Paese. Al Comitato spetta, tra l’altro, “deliberare sugli indirizzi e sulle finalità generali della politica dell’informazione per la sicurezza”.

Diminuire la separatezza significa anche aprire lo spazio necessario ai controlli: a quello parlamentare, di cui ho prima detto, come a quelli interni, i quali ultimi trovano nell’ufficio ispettivo del DIS una articolazione assolutamente nuova e ormai consegnata ad una piena operatività.

Diminuire la separatezza significa, infine, superare la vecchia cultura del sospetto battendo le vie nuove indicate dalla riforma: comunicazione istituzionale e promozione della cultura della sicurezza.

In entrambi i casi si tratta di un lavoro di lunga lena, che proprio per questo richiedeva di essere iniziato al più presto. Ed è quel che si è fatto con l’apertura del nuovo sito internet ( www.sicurezzanazionale.gov.it ) dotato di importanti strumenti di interattività, come quello che consente a tutti i cittadini italiani di confrontare il proprio curriculum vitae con le esigenze del sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica.

Primi, piccoli passi, certamente, ma mossi con fermezza, nella convinzione che il futuro della nuova intelligence italiana dipenda anche dalla capacità di instaurare un significativo rapporto con i settori fondamentali del sistema-Paese, primi tra tutti i giovani, il mondo accademico e culturale, le imprese e i media.

E proprio questo incontro con “Formiche”, nato attraverso il sito web dell’intelligence italiana, dimostra che siamo sulla strada giusta.

Fonte: Gianni Letta, Presidenza del Consiglio dei Ministri.